Centro San Rocco - Interventi

Educazione, una questione di ordine…
Data pubblicazione : 13/01/2019
Foto sommario

Una riflessione di Daniela Marrozzini

Ogni volta che si parla di educazione, è uso comune ormai fare riferimento all’etimologia del termine che ci porta a ragionare come farebbe un’ostetrica che deve “tirar fuori” il bambino che nasce. Chi educa è chiamato a tirar fuori ciò che uno è, ciò che porta con sé e dentro di sé.

Pur inchinandomi di fronte all’etimologia del termine che è pregna di senso e che, in gran parte, allude ad un significato operante e molto più pratico che teorico, credo sia opportuno, oggi più che mai, da adulti ed educatori, non solo stimolare il parto di ciò che ogni ragazzo è già, ma anche aiutarlo ad essere ciò che è creandogli un po’ di ordine attorno. 

Provo a spiegarmi.

In un tempo definito dai migliori teorici come “complesso”, in cui tutto viaggia alla velocità della luce e in cui il caos si è preso lo spazio del cosmos, la presenza di adulti “ordinati”, stabili e coerenti accanto ai ragazzi è più che mai necessaria.

Lo vedo a scuola, dove spendo la mia vocazione. Se si conviene nel fatto che non dobbiamo essere noi docenti a modellare nuove forme, credo si debba convenire anche nel fatto che i docenti siano chiamati a generare luoghi sapienti di creazione, luoghi di ascolto, di tensione verso l’altro, luoghi di ordine, appunto, in cui ogni ragazzo possa ascoltare se stesso, darsi spazio e inventare le proprie forme, avendo anche la facoltà di inventarne di sbagliate e il privilegio di pensarne di nuove e più confacenti alla propria forma di vita. La scuola, come la società, dovrebbe essere lo spazio in cui pensare i propri progetti di vita. Anche questo è un termine un po’ abusato oggi, ma credo sia necessario usarlo perché il tempo della scuola coincide necessariamente con il tempo più fecondo per sognare la propria esistenza e  trasformare tali sogni in progetti di vita.

Mi dispiace sentire molti colleghi affermare che i nostri ragazzi siano privi di sogni, e mi dispiace ancora di più ammettere che qualche volta l’ho detto anche io. Mi chiedo, in verità, se sia proprio così o se invece, forse, noi adulti parliamo troppo accanto ai nostri ragazzi, a volte persino sopra le loro stesse parole, a tal punto che non diamo loro neppure il tempo di esprimersi davvero. Camminiamo sui loro passi, anticipiamo i loro percorsi, calpestiamo le loro impronte. Di fatto, forse facciamo una gran confusione.

La logica del profitto e del tempo che passa inesorabile ci costringe -perché anche noi adulti siamo stretti in tale morsa- a correre e far correre. La giovinezza, invece, andrebbe rallentata, andrebbe rivista in modalità slow motion, per coglierne l’essenza, le parole, i profumi. Andrebbe inserita, per l’appunto, in quell’ordine che riserva uno spazio vitale sia alla testa che al cuore. Spazio che, poi, alla fine, genera le scelte consapevoli.

E’ vero, dobbiamo aiutare i ragazzi anche a non disorientarsi nel disordine della nostra civiltà, in cui le notizie vere e false si confondono, in cui si urla tutto e il contrario di tutto, ma per orientarsi occorre prima procurarsi una buona mappa. E le mappe, strumento per eccellenza per dare ordine alle cose, vanno lette, studiate, ragionate. Proprio come ci permette di fare una buona lezione di storia, la lettura critica dei quotidiani o la ricerca della soluzione ad un problema matematico o, ancora, buttarsi nelle pagine di un romanzo.

Ecco, questo vorrei poter garantire ai miei alunni: una mappa del pensiero, una mappa della persona, nella quale poter dare ordine al disordine delle cose e della gente, nella quale trovare percorsi e mete a cui arrivare e da cui ripartire con l’unico scopo di esprimere al meglio la propria personalità.

 

Daniela Marrozzini

indietro

Calendario

21 febbraio

Incontro con don Armando Matteo, terzo ed ultimo per la serie "Teologi in piazza"

01 marzo

Primo appuntamento per la serie "Giovani scrittori"

16 marzo

Incontro con padre Pietro Maranesi in occasione della Festa del Papà

29 marzo

Secondo appuntamento per la serie "Giovani scrittori"

10 aprile

Terzo appuntamento per la serie "Giovani scrittori"

Copyright 2015 Centro Culturale San Rocco - centrosanrocco@fermodiocesi.it

Fondazione Terzo Millennio - P. Iva 02061590440